SIAMO SOLO NOI! UN QUARTO DI FOLLIA SKORPIONS VALE UNA FINALE!

images

All'inizio sentendo i commenti dei vari esperti del settore era una sola voce, Seamen passeggiata, Seamen Massacro, Seaman 40 e passa punti....

All'inizio del terzo quarto il Td di Calderon, giusto MVP della finale, sigillava con un perentorio 34 a 0 il risultato che fino ad allora aveva visto prevalere la squadra che sino a quel momento aveva commesso e badate bene lo ridico commesso pochi errori, gestito ogni stuazione al meglio, annichilito la nostra offense, e forte di giocare in casa propria - E questo non è un vantaggio da poco - la finale, alternava grandi giocate con grandi giocatori a meno esaltanti prestazioni dell'offense Skorpions.  

Ma c'è sempre una scintilla anche in colui che si crede essere predestinata vittima, c'è sempre alla base di tutto, quell'attimo, quel momento, che fa si che all'improvviso il coraggio, l'abnegazione, la follia, la consapevolezza dei propri mezzi, prendano il sopravvento sul destino e spingano i nostri ragazzi e trasformino i giochi già fatti in giochi da fare, dove il Fato e la fortuna si lasciano sorprendere dalla loro incredibile consapevolezza di non arrendersi mai, e allora all'improvviso ecco che Bulgheroni, Zanon, Di Gennaro sino ad allora protagonisti in difesa, vengono chiamati all'impresa e lo Stesso Samuele Bulgheroni che entrava nelle vesti di QB alle redini dell'attacco si incaricava di tentarci e di guidare il gioco Skorpions così come doveva essere orchestrato; Bulgheroni si prende in carico la squadra e trasforma la sconfitta in atto di gloria, corre, lancia, guida il drive della risalita, incita i compagni e fa si che la difesa diventi quel muro che era stata a Firenze in casa dei Campioni d'Italia 2018, l'invalicabile barriera, contro la quale si scontrarono gli ultimi tentativi Guelfi. 

Ma Samuele ricordava a tutti che a Milano c'era Skorpions e non per caso, ma perchè con orgoglio e con caparbietà, noi non eravamo secondi a NESSUNO. 

La cronaca la scrivono i giornalisti e lo fanno egregiamente vedi gli ariticoli di questi giorni sulla "Prealpina", Su "VareseSport.it" su Varesenoi.it" e sul "Giorno" , noi scriviamo le gesta, gli onori di questi ragazzi che hanno tentato sino all'ultimo di affermare con orgoglio e con verità che siamo una Squadra, forte, presente, che siamo arrivati in finale con grande merito e che nessuno poteva considerarci comparse

Il pubblico Skorpions che gremiva gli spalti assisteva in quel momento ad una vera e propria trasformazione,  Bulgheroni, Tosco, Di Gennaro con il fenomenale Petrillo segnavano in un solo quarto 28 punti alla squadra che si sarebbe alla fine e con merito dimostrata si più forte, ma non la più forte in assoluto, perchè solo la fortuna mancò ieri non l'audacia e la follia ..... solo la fortuna.